Jules e Jim

Film 1962 | Drammatico +16 100 min.

Regia di François Truffaut. Un film Da vedere 1962 con Jeanne Moreau, Oskar Werner, Henri Serre, Vanna Urbino, Boris Bassiak, Anny Nelsen. Cast completo Titolo originale: Jules et Jim. Genere Drammatico - Francia, 1962, durata 100 minuti. Uscita cinema lunedì 4 marzo 2019 distribuito da Cineteca di Bologna. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,17 su 41 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Jules e Jim tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dal romanzo di Henri-Pierre Roché. Parigi 1907. Jules, francese, e Jim, austriaco, sono molto amici. Conoscono Catherine, ambigua, affascinante, imprevedibile. Ha vinto un premio ai Nastri d'Argento,

Jules e Jim è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,17/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,00
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un triangolo amoroso dal tragico destino. Uno dei capolavori della Nouvelle Vague.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Parigi, attorno al 1912. Il tedesco Jules e il francese Jim sono diventati amici inseparabili uniti dalla passione per la letteratura e le lingue e per le donne (che Jim presenta all'inesperto amico). Un giorno vengono colpiti dall'immagine della testa di una statua dal sorriso enigmatico. Incontreranno Catherine, che le somiglia molto. Jules ne è attratto e avverte Jim che non vuole condividerla con lui. L'amico si ritrae ma, dopo il conflitto che li impegna su fronti opposti, i due si ritrovano. Ora la coppia vive in campagna ed è nata una bambina, Sabine. Ma Catherine non ama più Jules e a questo punto Jim può ammettere anche con se stesso l'attrazione che ha sempre provato per lei. Jules è pronto ad accettare la situazione.

C'è una canzone nel film, per dichiarazione dello stesso Truffaut, che ne chiarisce il senso più profondo: "On s'est connus, on s'est reconnus, on s'est perdus de vue, on s'est perdu de vue, on s'est retrouvés, on s'est rechauffés, puis on s'est séparés. Chacun pour soi est reparti, dans l'tourbillon de la vie".

Il testo risulta chiaro anche a chi conosce poco o nulla della lingua francese ed è la riprova, qualora ce ne fosse stato bisogno, che ancora una volta e ormai per sempre Truffaut si appropria di un testo letterario per farlo suo al fine di esprimere i propri sentimenti nei confronti della vita, della morte e, soprattutto, di quel misterioso tumulto dell'anima che chiamiamo amore. Il romanzo omonimo di Henri-Pierre Roché scoperto per caso gli offre l'opportunità per guardare dentro il se stesso trentenne grazie a un testo di uno scrittore settantaseienne.

Quasi timoroso di esporsi fino in fondo il regista si dichiara come narratore di quelle parti che sarebbe troppo dispendioso (in termini di tempo) mostrare che però non vuole eliminare ma cerca anche una forma che in qualche misura raffreddi il ribollire delle tensioni erotiche sotterranee. Ecco allora che le soluzioni tecniche e, a tratti, la stessa colonna sonora composta da Georges Delerue assumono quasi la valenza di un distacco dalla materia narrata. Truffaut continua la sua indagine sull'animo umano ponendo in primo piano un sentire che avverte come universale e senza tempo quasi isolandolo dalla situazione sociale e storica in cui si va a configurare.

La prima guerra mondiale che divide temporaneamente i tre non è che una sorta di 'incidente' sullo sfondo così come il cinegiornale in cui si vedono i nazisti bruciare i libri serve a farli rincontrare e viene liquidato con una battuta (anche se finisce con l'essere l'annuncio (più o meno inconscio) del futuro Fahrenheit 451. Se la canzone sintetizza il tema ciò che visivamente affascina di più del film sono la sequenza marittima (in cui si condensa un complesso microcosmo relazionale) e la corsa.

Giustamente omaggiata da Bernardo Bertolucci in The Dreamers ci offre la punta più alta di libertà di espressione dei tre protagonisti ognuno dei quali mostra se stesso senza quei vincoli che la società finisce comunque con l'imporre e a cui, sembra dire Truffaut, si può sfuggire in un solo modo: quello scelto da Catherine nel finale.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nella Parigi del 1912 Catherine s'innamora di due studenti, un francese e un austriaco, legati da una profonda amicizia fondata sull'amore per la letteratura. Sposa il secondo da cui ha una bimba, diventa l'amante del primo e tenta un'impossibile vita a tre. Dal 1° romanzo (1953) del 76enne Henri-Pierre Roché, sceneggiato dal regista con Jean Gruault. È, forse, il film più felice di Truffaut, certamente uno dei più rappresentativi con Jeanne Moreau nel suo personaggio più mitico. L'originalità e la stessa crudeltà della storia vi sono raccontate col massimo di pudore e di misura in dialettica contrapposizione fra trasgressione e norma, tra gioioso lirismo e profonda angoscia di morte. Dolce, nitido, di aerea leggerezza e armoniosa costruzione. Bellissima la fotografia di Raoul Coutard. La canzone "Le tourbillon", che ebbe un certo successo, è cantata da Jeanne Moreau. Rifatto con Io, Willy e Phil (1980).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
JULES E JIM
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
MYMOVIESLIVE

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 22 febbraio 2012
DAVID, Genova

Non lo commento, perché non trovo parole per commentarlo. Vorrei solo citare due passaggi in dialoghi: a) "...ho trovato in un libro che mi avevi prestato un brano segnato da te. C'è una donna su di una nave che si dà col pensiero a un tale che non conosce affatto. Ciò mi ha colpito come una confessione: è così che tu esplori l'universo.

domenica 14 agosto 2011
Viola96

Capolavoro di maestria del grandissimo Francois Truffaut,che con questo torbido e poetico triangolo amoroso,ha scritto la storia del Cinema.Truffaut delinea tre personaggi diversi dal solito,lontani alla cinematografia mondiale:Jules,tedesco,non ci sa fare con le donne,ma è un brav'uomo ed è un amico da sempre di Jim,francese,uomo elegante di stile,folle amatore.

martedì 13 dicembre 2011
Gianni Lucini

Il 24 gennaio 1962 viene presentato in prima mondiale “Jules et Jim”, un film diretto da François Truffaut e interpretato da Jeanne Moreau destinato a diventare uno dei manifesti della “Nouvelle Vague” e un simbolo dell’emancipazione e della ribellione femminile dell’epoca. Tratto dall'omonimo romanzo di Henri-Pierre Roché, racconta la storia di [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 marzo 2012
Gianmarco Sperti

« Mi hai detto: ti amo. Ti dissi: aspetta. Stavo per dirti: eccomi. Tu mi hai detto: vattene. » Queste parole aprono il film di François Truffaut “Jules et Jim” e sembrano racchiudere lo spirito leggero, sottile e quasi irreale che anima e caratterizza questa pellicola. Nel 1907, nel quartiere parigino di Montparnasse, Jules e Jim, un austriaco e un francese appassionati di arte e di letteratura, [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 giugno 2015
TearDrop

 Il film "Jules e Jim" si può condensare in quattro parole, amore, morte, amicizia, guerra. Nella sua opera Truffaut è riuscito a legarle magicamente, disegnando le figure dei tre protagonisti senza tensione emotiva, e, con grande tenerezza. Da una banale storia a tre, il regista è riuscito a fare uno dei film più belli della storia del cinema.

mercoledì 9 febbraio 2011
il cinefilo

Francois Truffaut dirige con tocco da maestro la storia di un"triangolo amoroso"tra una donna e due uomini(uno francese e l'altro austriaco che è il motivo che li porterà temporaneamente a dividersi durante la prima guerra mondiale)che si conclude sfociando in una grossa tragedia. Il film si può dividere in due parti:la prima(l'incontro tra i due amici e Catherina)pie [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 novembre 2011
fedeleto

Dopo l'ingiusto insuccesso di Tirate Sul Pianista,Francois Truffaut(i 400 colpi) dirige un film che da parecchi anni desiderava,ovvero Jules e Jim.La pellicola e' tratta dal romanzo di Roche',e racconta la storia di due amici che all'inizio del novecentovivono e parlano di cultura e arte.Conoscono una donna Catherine,una ragazza imprevedibile e con grande voglia di liberta',che [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 settembre 2011
dounia

Francois Truffaut, che ha sempre amato la lettura e la letteratura, presenta un film tratto dal romanzo di Henri-Pierre Roché e un argomento attuale: il poliamorismo o polifedeltà o matrimonio di gruppo. Il film parla di una donna, Catherine, che ama due uomini molto amici: Jules e Jim. Il primo è francese, il secondo è austriaco e lei, dopo averli conosciuti, decide di sposare il secondo.

domenica 9 agosto 2009
yankeerose

nn toccate questo film....libro letto e film visto,entrambi in lingua,per il mio primo esame universitario.......ce ne fossero di lontanamente simili..

giovedì 16 febbraio 2012
Gi4ndo

commedia di pregevole elegantezza sia nei dialoghi che nelle movenze, senza xò apparire troppo distaccata dalla realtà. L'amore visto come un gioco di parti, l'amicizia sincera e immutabile nel tempo fanno di questo film , accompagnato da una voce fuori campo che vi fa sentire dentro un libro, un capolavoro del cinema francese. Grande Truffaut e ottimi attori.

domenica 17 giugno 2018
Emanuele 1968

Bello, ambientato a cavallo della prima guerra mondiale, racconta intrecci amorosi desolanti.   Purtroppo oggi come ieri, consolazione e testimonianza di temi attuali.

domenica 22 ottobre 2017
Francis Metal

La strana amicizia tra questi tre matti trapelava già una tristezza pazzesca fin dall'inizio.. sembrava tutto troppo bello e semplice, ma due uomini e una donna non potranno essere tranquillamente amici per sempre.  I miei coetanei userebbero espressioni come "amici con benefici" e "friendzone" per descrivere quella condizione.

sabato 31 ottobre 2015
Onufrio

Jules e Jim sono due cari amici, uno francese ed uno austriaco, la loro amicizia è sana e sincera e neanche la prima guerra mondiale di mezzo che li vedrà "nemici" potrà distruggere il loro sentimento; a legare i due ancora di più è l'arrivo nella loro tranquilla vita di una femme fatale, Catherine, entrambi ne sono innamorati, Jules la sposerà, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 febbraio 2015
il befe

meraviglioso

venerdì 28 ottobre 2011
Luca Scialo

Parigi, inizio '900. Jules e Jim diventano inseparabili e affiatati amici, e tra loro ogni tanto si insedia qualche bella donna parigina. Un giorno ne arriva una stravagante, libera, ribelle: Catherine; la quale incarna la Parigi frizzante dell'epoca. I tre passano indimenticabili giornate insieme, finché Jules fa il passo in avanti, chiedendole di sposarlo.

sabato 11 settembre 2010
Alexander_Ekdhal

Con il titolo credo di aver detto tutto.

domenica 21 febbraio 2010
G. Romagna

Parigi, 1910 (o '12). Jules, austriaco, e Jim, francese, sono due amici della buona borghesia. I due, dopo essersi innamorati del sorriso di una statua che hanno avuto modo di ammirare grazie all'amico Albert, appassionato d'arte, decidono che corteggeranno qualunque ragazza in cui riscontreranno una dote tale. L'occasione arriva e i due mettono in atto quanto teorizzato.

Frasi
In linea di principio, ho appena raccontato una cosa buffa. O comunque divertente. Potreste, che so, sorridere…
Una frase di Catherine (Jeanne Moreau)
dal film Jules e Jim
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo Boschi
Scanner

Con il ritorno nelle sale di Jules e Jim di François Truffaut, uscito nell'anno di grazia cinematografica 1962, assistiamo all'ennesimo esempio di capolavoro restaurato, rimesso in circolazione in ricorrenza del quarantennale. Jules e Jim, tratto dall'omonimo romanzo di Henri-Pierre Roché, racconta il ménage à trois più celebrato della storia del cinema.

NEWS
NEWS
lunedì 21 gennaio 2019
 

Dal romanzo di Henri-Pierre Roché. Parigi 1907. Jules, francese, e Jim, austriaco, sono molto amici. Conoscono Catherine, ambigua, affascinante, imprevedibile. I tre diventano inseparabili. Il sentimento si evolve.

ACCADDE OGGI
martedì 23 gennaio 2018
Andrea Chirichelli

Il 23 gennaio 1962 esce nelle sale il classico Jules et Jim (disponibile da € 2,99 su TROVASTREAMING), diretto da François Truffaut, tratto dall'omonimo romanzo autobiografico di Henri-Pierre Roché e magistralmente interpretato da Jeanne Moreau.

NEWS
domenica 2 dicembre 2012
 

Tratto dal romanzo di Henri-Pierre Roché, Jules e Jim (1962) è uno dei film più riusciti di François Truffaut. Grazie ad una straordinaria interpretazione di Jeanne Moreau, la splendida fotografia di Raoul Coutard e la sceneggiatura di Jean Gruault, il [...]

winner
miglior regia film straniero
Nastri d'Argento
1963
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati